Celadrin MSR Corse: debutto con il podio alla 6h di Roma

Published: 17 November 2014 14:47

Lacorte – Sernagiotto salgono sul secondo gradino del podio al debutto della classica competizione endurance capitolina.

Secondo posto assoluto e vittoria nella Bronze Cup per il team Celadrin MSR Corse alla 24′ edizione della 6H di Roma: un risultato che premia tutta la squadra ed incornicia un weekend che era cominciato molto bene già nelle libere, con le sessioni di qualifica che hanno poi confermato la competitività del binomio team-vettura (la Tatuus PY012).

Il “film” della gara ha visto Sernagiotto salire in macchina per primo ed effettuare una bella partenza che lo ha portato al comando. Il pilota veneto ha tenuto un passo straordinario (firmando anche il giro veloce della gara con 1:34:525) ed è rientrato ai box con quasi un giro di vantaggio. Beneficio che però è stato vanificato da un problema ad una ruota durante il pit stop, che è durato circa 3 minuti. Alla ripartenza Roberto Lacorte è rientrato in P6 e ha continuato a tenere il ritmo della gara nelle prime posizioni e ha riconsegnato la Tatuus PY012 a Sernagiotto in P2. Altri due “stint” con riscontri cronometrici sempre tra i più veloci della gara, ma ormai il ritardo accumulato al primo stop aveva compromesso la vittoria assoluta.

C’è comunque grande soddisfazione per il team, che è stato ripagato del duro lavoro con un secondo posto assoluto al debutto di una gara così prestigiosa.

Roberto LacorteNon so se intitolare questa bellissima gara “una vittoria mancata” o “un secondo posto che sa di vittoria” è stata comunque una prova di carattere dove la MSR Corse ha davvero ben figurato in una gara che rappresenta una classica del motorsport“.

Max Sigalini: “Grande prestazione di tutta la squadra, sono contento, abbiamo dimostrato la professionalità della MSR Corse. Peccato che un banale componente abbia privato il team di una vittoria certa, considerato anche i riscontri cronometrici che hanno confermato la competitività dei prototipi CN2 contro una vettura top di categoria GT2. Questo risultato fa ben sperare anche per i nuovi programmi futuri“.

Giorgio Sernagiotto: “Sono molto soddisfatto della prestazione, anche se visto come stava svolgendosi la gara credevo nella vittoria. Il primo “stint” di gara é stato veramente brillante, la vettura era ottima e il set-up molto buono. Lottare con le Ferrari ufficiali e misurarsi con piloti del calibro di Fisichella è sempre stimolante!“.