Il rientro di Sernagiotto nel Maserati Trofeo World Series

Pubblicato: 21 Luglio 2014 09:33

Weekend (quasi) da incorniciare a Silverstone, per Giorgio Sernagiotto, al suo rientro dopo due anni nel Maserati Trofeo World Series. Pista nuova, vettura praticamente inedita (fondamentalmente diversa quella con cui aveva corso nel 2012) e tante altre novità in Inghilterra, che non hanno tuttavia impedito al pilota veneto di portare a casa due quarti posti.

All’appello è mancato solamente il podio, a cui con molta probabilità avrebbe potuto aspirare in Gara 2, quando è stato tamponato nelle fasi iniziali dall’irlandese Michael Cullen, compromettendo l’esito positivo del match.

Per il pilota veneto, al via con i colori Celadrin, si è trattato comunque di un fine settimana più che positivo iniziato con il sesto ed il quarto responso fatto segnare rispettivamente nel primo e secondo turno di qualifiche che si sono svolte in condizioni di bagnato, altro elemento di difficoltà in più quest’ultimo per Sernagiotto, dal momento che in precedenza non aveva mai girato sul tracciato del Northamptonshire.

In Gara 1, con l’asciutto, Sernagiotto è stato quindi protagonista, lottando fin da subito per le posizioni di testa e concludendo come già detto quarto, anche in seguito all’esclusione (per la non conformità tecnica della sua vettura) dello svizzero Mauro Calamia che aveva tagliato il traguardo davanti a tutti. Ma il distacco di soli 8″ dal leader, la dice tutta sul potenziale di Sernagiotto. Un potenziale rimasto troppo presto inespresso in Gara 2, quando le cose hanno immediatamente preso la piega sbagliata (leggasi il tamponamento subito ed il conseguente forfait).

Poi in Gara 3, a conclusione di un weekend col “segno più”, si è messo in luce con un secondo posto per la classifica Trofeo (quarto assoluto), dopo una forsennata bagarre che ha visto le prime cinque vetture tagliare il traguardo raccolte in soli tre secondi e mezzo, con Sernagiotto in ritardo di 2″100 sul vincitore Gabriele Gardel.

Giorgio Sernagiotto a fine weekend racconta così il suo ritorno in Maserati: “E’ stata una dura lotta! Sono contento dei risultati.. peccato per Gara 2! Ringrazio tutto lo staff Maserati, è stato un bellissimo weekend! Sono onorato di aver avuto un fan “speciale” Phil Selway (batterista dei Radiohead) e un avversario particolare come Max Gazzè che è andato davvero forte!”