Speciale 1 anno di Borsa: intervista a Matteo Giovannetti, responsabile commerciale di Junia Pharma

Pubblicato: 03 Agosto 2018 16:30

La quotazione in borsa del Gruppo PharmaNutra ha rappresentato non solo il raggiungimento di un obbiettivo ambizioso e importante, ma anche un acceleratore di sviluppo del business. Per quanto riguarda Junia Pharma, la più recente tra le aziende del Gruppo, il responsabile commerciale Matteo Giovannetti ci presenta un suo personale bilancio di questi ultimi 12 mesi di attività.

 

 

Nell’ultimo anno si sono verificati cambiamenti importanti per il Gruppo PharmaNutra: qual è il bilancio di Junia Pharma?

 

Per Junia Pharma è stato un anno molto importante perché innanzitutto siamo riusciti a potenziare la rete commerciale, grazie all’inserimento di numerosi informatori scientifici. Abbiamo superato i 35 ISC stabili nella rete, che era di fatto il nostro target, quindi da questo punto di vista l’obiettivo è stato raggiunto. Ci sono stati sviluppi importanti anche per quanto riguarda l’ampliamento della gamma di prodotti: a gennaio sono stati lanciati Neo D3 Forte® e soprattutto la vera, grande novità per il mercato italiano, Capricare®, l’unica formula per l’infanzia a base di latte di capra. E altre novità sono in arrivo per questo autunno, pertanto il bilancio di questi 12 mesi non può che definirsi positivo.

 

 

Da cosa deriva la decisione di introdurre nella gamma di Junia un prodotto così apparentemente diverso come Capricare?

 

Indubbiamente con Capricare® abbiamo deciso di accettare una sfida entrando in un mercato completamente nuovo per noi, quello dei latti artificiali, ma in realtà non è un ambito merceologico così distante da quello che trattiamo abitualmente. Il contatto è arrivato direttamente dall’azienda produttrice, la Dairy Goat Co-operative, perché cercavano un’azienda distributrice italiana che rispecchiasse il loro profilo commerciale ed etico. Dopo un’attenta selezione la loro scelta è ricaduta su Junia Pharma, per la nostra struttura organizzativa e l’operatività sul target pediatrico. Noi siamo soliti lavorare con un metodo preciso, seguendo un codice etico che rispecchia a pieno i loro valori e obiettivi.
Successivamente abbiamo deciso di cogliere questa opportunità anche per lanciare il nostro primo canale di e-commerce. Le potenzialità sul mercato digitale sono immense, perché oggi il target mamma è sempre più social e consapevole. La cosa interessante infatti è che i riscontri più positivi arrivano direttamente dai consumatori, che sempre più spesso ci contattano per avere informazioni sul prodotto e sulle modalità di acquisto.

 

 

Relativamente alla quotazione in borsa del Gruppo, ha influito in qualche modo sull’attività di Junia Pharma?

 

Ha dato sicuramente all’azienda una maggior stabilità, pur non modificando il nostro ormai consolidato metodo di lavoro. Anche la percezione dei nostri clienti è cambiata, perché essere una società quotata in Borsa ha dato ulteriore credito al Gruppo, nonostante fosse già considerato estremamente solido e serio dia partner. Arrivare ad essere quotati in Borsa è anche un motivo di grande soddisfazione personale per tutti coloro che, come me, hanno visto nascere Junia Pharma da zero.

 

 

Qual è il valore aggiunto di Junia Pharma e della sua rete ad oggi?

 

Se devo guardare al gruppo di lavoro che abbiamo costruito il punto di forza è il senso di appartenenza all’azienda, un valore fondamentale che cerchiamo di trasmettere quotidianamente anche ai nuovi ISC. Chi riesce a comprendere e fare propri i valori di Junia Pharma e il nostro metodo di lavoro, ha una grinta e un appeal maggiori. Il senso di far parte di un’azienda solida, con un codice di condotta preciso e un’etica di lavoro condivisa, li spinge a volersi migliorare e di conseguenza a performance commerciali migliori.

 

 

Qual è stato il momento che più ti ha dato soddisfazione dal punto di vista professionale?

 

Il momento che ricordo sempre con particolare soddisfazione in realtà non è legato ad una vendita o un contratto. Un giorno ero nella sala di attesa di uno studio pediatrico, quando ho sentito il medico consigliare ad una mamma SiderAL® Bimbi, usando le stesse identiche parole che gli avevo detto io tempo prima, durante la presentazione del prodotto. Questo è stato il momento di vera soddisfazione, più del concludere una vendita, perché in quell’istante ho capito che il mio lavoro era stato apprezzato e ha fatto la differenza.

 

 

Qual è l’obiettivo di Junia Pharma da qui ai prossimi 12 mesi?

 

Junia Pharma è un’azienda con grandi potenzialità, che sicuramente nei prossimi mesi emergeranno sempre di più e permetteranno alla rete commerciale di raggiungere risultati ancora più significativi. L’obbiettivo è quindi di continuare a potenziare la rete di ISC e dare un impulso importante al business, in linea con la crescita e lo sviluppo di tutto il Gruppo PharmaNutra.