Ottenuto brevetto relativo ad una nuova composizione per il trattamento delle patologie dell’apparato cardiovascolare

Pubblicato: 11 Novembre 2019 19:52

Il nuovo brevetto, valido fino al 2037, apre PharmaNutra alla possibilità di sviluppo di prodotti specifici per l’ambito cardiovascolare, un settore finora ancora inesplorato dall’azienda.

 

 

Pharmanutra S.p.A. comunica di aver ottenuto dall’Ufficio Italiano Brevetti la concessione del brevetto su una nuova composizione per uso nella prevenzione e nel trattamento di patologie dell’apparato cardiovascolare (N° 102017000085412). Depositato nel 2017 e denominato dall’azienda “Formula Cardiovascolare”, il brevetto avrà validità fino al 2037.

 

 

La concessione del nuovo brevetto segue di appena una settimana la notizia dell’ottenimento della registrazione negli USA di un altro importante brevetto, quello del Ferro Solido, dimostrando ancora una volta la straordinaria attività scientifica e la capacità di innovazione del Gruppo PharmaNutra.

 

 

La nuova formulazione, sviluppata dal reparto R&D del Gruppo, risulta particolarmente efficace nella riduzione delle calcificazioni vascolari, ponendo le basi per lo sviluppo di un settore medico-scientifico, quello delle calcificazioni cardiovascolari, del tutto nuovo per l’azienda, ma che interessa una popolazione molto ampia.
Negli ultimi anni, numerosi studi hanno confermato che le calcificazioni rappresentano una delle cause principali delle patologie cardiovascolari, contribuendo significativamente alle cause di mortalità cardiovascolare. La nuova Formula Cardiovascolare sviluppata dal Gruppo può quindi rappresentare un’efficace soluzione per prevenirne e contrastarne la formazione.

 

 

“Questo brevetto è il coronamento di un progetto completamente nuovo, sviluppato specificatamente con l’obiettivo di trovare una formulazione realmente efficace nel prevenire la formazione delle calcificazioni vascolari. La composizione è il risultato di anni di studi, che, dopo gli ottimi risultati ottenuti nella ricerca di base, ora stiamo ampliando sulla parte clinica. Il vero punto di forza di questa nuova formulazione, rispetto ad altre già presenti sul mercato, è la sinergia dei singoli componenti: la nostra ricerca ha scoperto che combinando i diversi elementi insieme, si riescono ad ottenere benefici maggiori nel ridurre le calcificazioni, ed è questo che fa la differenza”, commenta Germano Tarantino, Chief Scientific Officer di PharmaNutra S.p.A.

 

 

“Per quanto riguarda la carenza di ferro in campo cardiologico, siamo già conosciuti da tempo a livello internazionale, grazie alla comprovata efficacia dei prodotti della linea SiderAL®. Questo nuovo brevetto ci permette di ampliare la nostra ricerca, comprendendo ambiti medici molto più ampi”, aggiunge il Presidente del Gruppo, Andrea Lacorte. “Il nostro obiettivo è sviluppare non solo nuovi prodotti legati alla prevenzione di alcune importanti problematiche cardiovascolari, ma anche atti a supportare una risposta ottimale alle terapie cardiologiche principali, per garantire un corretto recupero e il ritorno a una vita sana e regolare”.